Quo Chi? Di cosa ridiamo quando ridiamo di Checco zalone.

3 marzo 2016

dal 3 marzo in libreria un mio nuovo libretto. e’ su checco  zalone, ma anche sui modelli di comicità che hanno dominato in Italia negli ultimi 20 anni.

checco come antidoto comico alla barzelletta e all’invettiva satirica? Cioè alle due forme del comico che si sono trasformate in Italia in forme di potere? checco come compiuta e matura democrazia del comico?

leggete e poi, se volete, criticate. discutiamo.

cliccate qui sotto per vedere la copertina…

COPERTINA-DEFINITIVA-4-EU

Un commento

  1. Saverio scrive:

    Buongiorno
    Il 6 agosto, ho assistito alla presentazione del suo libro “Quo chi?” Premetto che personalmente la comicità basata sulle parolacce è molto infantile. E’ come raccontare una storia a un bambino e nel racconto inserire la parola “pupu”, il bambino ride a crepapelle. Poi a paragonare Checco Zalone a mostri comici del passato e del presente non è stato di buon gusto. Non pensa che la maggior parte del successo di Checco Zalone sia dovuto alla pubblicità? Prima dell’uscita del film siamo stati bombardati di pubblicità in televisione con trailer e interviste. Il 2 gennaio ho visto anch’io la fila davanti al cinema Presolana con gente desiderosa d’entrare, ma la stessa fila non l’ho vista quando a luglio di quest’anno hanno proiettato “La pazza gioia”, film bellissimo ma non pubblicizzato oppure, un anno prima quando hanno proiettato “La grande bellezza” prima che venisse candidato all’Oscar. Anche questo film non pubblicizzato all’uscita e quando lo hanno proiettato nello stesso cinema di Dorga, la sala era mezza vuota. Io penso che Checco Zalone sia solo un prodotto commerciale che arricchisce il produttore e non la cultura italiana.
    Cordialmente
    Saverio Siciliano

Lascia un commento